Il burro di karitè è sempre stato uno dei miei burri preferiti per le sue molteplici qualità e proprietà.

È particolarmente piacevole e leggero (lascia una sensazione di protezione senza però ungere eccessivamente o appesantire), ripara, lenisce le pelli screpolate all’istante e rigenera la pelle.
A differenza di altri burri, come quello di cacao, non è potenzialmente comedogeno e può essere usato senza problemi anche da chi ha una pelle impura.

societa del karite proprieta karite 1024x683
Come ho spiegato nella recensione della crema corpo idratante Najtù Vegan, nei mesi scorsi ho avuto modo di testare alcuni prodotti della Società del Karitè, un’azienda specializzata nel burro di karitè e nata negli anni ’70 dopo aver scoperto i benefici di questo burro durante un viaggio in Africa.

Il burro di Karitè Natura puro bio della Società del Karitè, di alta qualità, è conservato in una confezione elegante e particolarmente adatta a chi vuole fare un regalo utile e prezioso. Apprezzo la presenza del sotto tappo di protezione.

 

 

burro karitè puro uso


Questo burro di karitè non ha alcun odore e viene invasettato con cura per evitare shock termici che potrebbero rovinarlo e portare alla formazione di grumi. Chi segue la sezione dedicata alla cosmetica fai da te del blog sa che si tratta di un ingrediente da maneggiare con estrema cura per evitare di rovinare la texture e il risultato del prodotto finale.

L’alto contenuto in insaponificabili nutre e mantiene l’elasticità della pelle contrastando secchezza e invecchiamento.
Le sue proprietà antibatteriche ed antinfiammatorie lo rendono particolarmente utile dopo la depilazione, sulla pelle irritata o come ingrediente base dei deodoranti fai da te.

Vi lascio ora ad una piccola guida sugli usi del burro di karitè puro e nella cosmetica naturale fai da te.

 

burro karite puro

 

Uso del burro di karitè puro

Il burro di karitè puro può essere utilizzato in tanti modi diversi:

  • Sulla pelle screpolata o arrossata per un sollievo rapido.
  • Sulle mani rovinate dal freddo e sui gomiti.
  • Sulle piccole rughe per ammorbidirle e prima dell’applicazione del fondotinta per evitare che quest’ultimo le evidenzi (funziona soprattutto su quelle che compaiono quando la pelle non è abbastanza idratata)
  • Sui piedi ruvidi per ammorbidirli, indossando poi degli appositi calzini SPA come questi e lasciando il tutto in posa per la notte.
  • Sulla pelle prima del profumo per prolungarne la durata.
  • Per ammorbidire le cuticole.
  • Sulla pelle dei neonati, soprattutto in caso di arrossamenti da pannolino. Quando i bambini sono molto piccoli è meglio evitare oli essenziali o cosmetici troppo elaborati e il burro di karitè, con tutta la sua semplicità ed efficacia è un valido sostituto.
  • Sulla pelle depilata di viso e corpo per evitare arrossamenti e infiammazioni.

 

burro karitè puro bio uso

 

Come usare il burro di karitè nella cosmetica naturale fai da te

Il burro di karitè può essere usato come ingrediente di varie ricette cosmetiche:

  • Come ingrediente principale nelle maschere di bellezza per ammorbidire e lenire la pelle. Aggiungete attivi ecobio o 2 o 3 gocce di oli essenziali scegliendoli in base alle vostre esigenze (vi rimando a questa tabella per maggiori informazioni).
  • Nei burri solidi per il corpo e i burrocacao assieme al burro di cacao e la cera d’api.
  • Nelle creme e in modo particolare per quelle per il viso considerando che non si tratta di un ingrediente potenzialmente comedogeno. In genere si usa attorno allo 0,5 -1,5% nelle creme viso e al 2% nelle creme corpo.
  • Si tratta di un ingrediente chiave dei deodoranti fai da te, come il cremino con o senza bicarbonato, grazie alle sue proprietà antibatteriche.
  • In generale, ricordate che il burro di karitè va trattato con cura quando viene inserito nelle ricette cosmetiche che richiedono un riscaldamento degli ingredienti. Per evitare la formazione di grumi va aggiunto alla fine della fase oleosa, poco prima di unire le due fasi. Nei burri solidi, nei burrocacao e altri cosmetici simili che includono solo la fase oleosa va inserito alla fine, dopo che tutti gli altri ingredienti si sono fusi.

 

Seguimi su Facebook