Realizzare un dentifricio fatto in casa è molto semplice e richiede ingredienti di facile reperibilità: argilla in polvere, glicerina vegetale e oli essenziali.

dentifricio-fai-da-te-ricetta

L’ingrediente base è l’argilla, che pulisce, cicatrizza e purifica a fondo la bocca.
Gli oli essenziali svolgono un’azione antisettica, deodorante e rendono l’alito profumato.
Il sapore è molto simile a quello dei dentifrici tradizionali.

Perché preferire i dentifrici fai da te?

I dentifrici tradizionali contengono spesso sostanze nocive come Triclosan e fluoruro di sodio.
Le versioni fai da te sono sicure, economiche e ci evitano di ingerire sostante tossiche che possono causare gravi danni al nostro organismo.

Ricetta facile del dentifricio fai da te

La ricetta base del dentifricio fatto in casa è molto semplice e richiede solo 4 ingredienti:

  • argilla verde o bianca (caolino): 80 g
  • glicerina vegetale: 50 g
  • 15-20 gocce di oli essenziali a scelta tra menta, tea tree, salvia e garofano.

Procedimento:

  • Mescolate gli ingredienti fino ad ottenere una pasta morbida e simile a quella del dentifricio tradizionale.

Conservazione e contenitore del dentifricio fai da te all’argilla

Questo dentifricio fai da te non richiede un conservante perché contiene glicerina e non acqua.

Per quanto riguarda il contenitore da usare, l’ideale sarebbe usarne uno specifico da dentifricio che potete trovare nei negozi online specializzati.

Io mi trovo molto bene con quello rigido airless di aroma-zone perché si riempie facilmente, sta in piedi da solo e ha una pratica pompetta alla base per la fuoriuscita di prodotto.


contenitore-dentifricio-fai-da-te-aromazone

Dadalindo ne ha uno in versione tubetto da riempire con una siringa.

tubo dentifricio-fatto-in-casa-dadalindo

Potete anche usare un barattolo di plastica che sia abbastanza flessibile e con tappo forato come quello che ho utilizzato per il detergente viso all’argilla o un semplice barattolo di vetro da conserva.
In questo secondo caso, molti consigliano di intingere lo spazzolino da denti direttamente nel barattolo. Io lo sconsiglio per questioni igieniche e vi suggerisco al limite di tenere da parte una piccola spatolina con la quale prelevare una piccola quantità di prodotto ogni volta.



Note sul dentifricio fatto in casa

  • Il caolino permette di ottenere un dentifricio bianco più gradevole alla vista, anche se l’argilla verde lascia una sensazione di pulizia maggiore.
  • Per un’azione sbiancante potete sostituire 1 o 2 grammi di argilla con la stessa quantità di bicarbonato. Tenete però conto del fatto che il bicarbonato può essere troppo aggressivo, per cui evitatelo se avete i denti sensibili e, in ogni caso, utilizzatelo solo saltuariamente.
  • Nel caso in cui il dentifricio fatto in casa risultasse troppo denso, aggiungete della glicerina. Se troppo liquido, aggiungete altra argilla.
  • L’olio essenziale di chiodi di garofano è perfetto per chi ha i denti sensibili grazie alla sua azione antidolorifica. Non utilizzate più di 5-7 gocce.
  • L’olio essenziale di tea-tree è antimicotico e antisettico, ma non usate più di 5-7 gocce.
  • Il sapore del dentifricio potrebbe sembrare troppo forte all’inizio a causa degli oli essenziali, ma già dal giorno successivo il gusto sarà più delicato perché l’argilla li avrà mitigati.
  • Non utilizzate mai contenitori o utensili di metallo con i preparati contenenti argilla. Usate esclusivamente quelli in vetro, ceramica o plastica.
  • La ricetta di dentifricio fai da te proposta in questa ricetta è quella base. Esistono anche tante altre varianti che richiedono l’aggiunta di xilitolo, carbonato di calcio dall’azione abrasiva ed estratti vari di piante.

 

Seguimi su Facebook