Dopo aver ritirato dal mercato alcune delle sue colorazioni naturali a base di hennè, come il famoso e favoloso hennè brun grenat, Aroma Zone ci ha fatto aspettare mesi senza alcuna notizia attendibile o un briciolo di spiegazione prima di mettere a disposizione del pubblico la nuova linea di tinte ecobio per capelli.

swatch henne noir ebane aromazone

 

Questo comportamento non mi è piaciuto affatto e sono stata tentata più volte di non comprare più prodotti dal loro negozio online, che resta comunque uno dei più forniti ed economici per lo spignatto.
Abituata ai risultati eccezionali dell’hennè brun granat di vecchia formulazione, che permetteva di coprire i capelli bianchi in un’ora, senza la complicazione dei lunghi tempi di ossidazione dell’hennè, mi sono trovata spiazzata come molte di voi, ansiosa di trovare un valido sostituto. Nel mio caso, come spiegato in questo articolo, ottenevo un bel nero con una sola applicazione mescolando l’hennè brun grenat con l’indigo.


L’hennè classico non permette di ottenere lo stesso risultato e, oltre a richiedere tempi di preparazione e di posa lunghissimi, lascia spiacevoli riflessi ramati sulla ricrescita. Se mischiato con l’indigo permette di un ottenere un colore leggermente più scuro, ma non copre con efficacia i capelli bianchi.
L’unico modo che ha funzionato per ottenere una chioma veramente nera è stato applicare l’hennè rosso sui capelli e procedere poi con una seconda applicazione di indigo. L’intero procedimento richiede tempi biblici rendendo ancora più spiacevole e stressante l’attesa del ritorno del mio caro vecchio hennè brun grenat.
Non mi sono fidata di comprare altre colorazioni naturali a base di hennè perché, leggendo i vari commenti, non ne ho trovata nessuna veramente affidabile, efficace ed ecobio a un prezzo decente… ma se conoscete qualche buon prodotto fatemelo sapere!

henne nero ebano aromazone recensione
A marzo Aroma Zone ha finalmente annunciato la disponibilità delle sue nuove colorazioni e, con mio grande dispiacere, ho scoperto che la tonalità brun grenat non era disponibile (è stata rilasciata solo a fine maggio, n.d.r). Incuriosita dalla tonalità nero ebano (noir ébène) e sperando di poter ottenere lo stesso risultato di prima senza dover mischiare polveri diverse, ho comprato 3 confezioni in un colpo solo.

Il mix di polveri principali è il seguente: Indigo ed hennè rosso (erbe tintorie), Giuggiolo della Palestina (volumizza, apporta brillantezza e fissa il colore) ed Amla (fissa il colore).

INCI completo (ecobio): Indigofera tinctoria Leaf Powder, Emblica officinalis Fruit Powder,Lawsonia inermis Leaf Extrac, Ziziphus spina-Christi Leaf, Eucalyptus globulus Leaf

Powder, Aloe barbadensis Leaf Powder, Curcuma longa Root Powder, Matricaria chamomilla Flower Powder.

Il prezzo è notevolmente aumentato rispetto alle tinture precedenti, che offrivano 250 g di prodotto per 4,50 euro circa. Una confezione di hennè nero ebano include infatti solo 200 g di prodotto ripartiti in 4 buste da 50 g e costa 6,90 euro. Rispetto al passato, la confezione contiene anche una cuffia e un paio di guanti di bassa qualità così larghi da risultare particolarmente scomodi. L’unico punto positivo è la cuffia perché ci permette di mantenere l’hennè umido (cosa essenziale affinchè agisca) senza doversi scomodare avvolgendo i capelli nella pellicola trasparente. Rispetto a quest’ultima, ho notato che la cuffia limita parecchio le fastidiose colature durante il tempo di posa.

henne nero ebano aromazone

 

Per la preparazione bisogna mettere la polvere in una bacinella e versare a poco a poco dell’acqua calda (35-40 gradi) fino a formare una pappetta non troppo liquida e nemmeno troppo densa. Il prodotto va applicato subito sui capelli con un pennello per tinta dal momento in cui contiene indigo. Io di solito aspetto circa 10-20 minuti e non ho notato differenze rilevanti con tempi inferiori o maggiori.

I tempi di posa variano da 1 ora e mezza a 3 ore. Se avete dei capelli bianchi è consigliabile tenerlo in posa almeno 3 ore.

I risultati sono stati parecchio deludenti e sinceramente mi sono pentita di aver comprato ben 3 confezioni.
I capelli già colorati da tinture precedenti risultano più scuri ma il prodotto non copre i capelli bianchi nemmeno dopo tempi di posa lunghi. La maggior parte dei capelli bianchi resta tale, come se non fosse stata minimamente toccata dalla tintura, mentre una piccola parte assume una tonalità sul biondo grigiastro.
Ho provato ad aggiungere una percentuale dal 25 al 50% di hennè rosso fatto precedentemente ossidare per 2 giorni (ho usato anche il metodo del congelatore) ottenendo una copertura non soddisfacente ma leggermente maggiore dei capelli bianchi e una tonalità poco piacevole perché tendente al rosso e in alcuni casi al ramato.

Che dire della tenuta? Dopo pochi giorni il colore tende a svanire e a virare a uno strano rosso violaceo.

Che dire? Prodotto bocciato!

Se non avete alcun capello bianco e volete scurire i capelli tinti dall’hennè eliminando i riflessi ramati può essere una buona soluzione, ma ricordate che il colore potrebbe virare a uno strano rosso violaceo nel giro di qualche giorno. In poche parole, se non avete alcun capello bianco e volete scurire i capelli per ottenere un nero/castano scuro, usate direttamente l’indigo o il katam piuttosto che questo hennè nero ebano. Il katam è indicato per chi vuole riflessi castani, mentre l’indago per chi vuole ottenere un bel nero.

Che cosa farò con le confezioni che mi sono rimaste? Nei prossimi mesi vedrò di fare dei mix per vedere se riesco ad utilizzare questo hennè per correggere e scurire altre tinture che non mi hanno convinto.

Seguimi su Facebook