Questo profumo solido fai da te è ispirato alla poesia “Il sabato del villaggio” di Leopardi ed è dedicato a chi ha un’anima un po’ romantica e ama i profumi vintage.

profumo-fai-da-te-rosa-violetta


La donzelletta vien dalla campagna
in sul calar del sole,
col suo fascio dell'erba; e reca in mano
un mazzolin di rose e viole,
onde, siccome suole, ornare ella si appresta
dimani, al dí di festa, il petto e il crine.


La profumatissima cera di rosa e l’aroma cosmetico naturale alla violetta riproducono il mazzolin di rose e viole profumando delicatamente la nostra pelle.
Contiene solamente 3 ingredienti ed è davvero semplice da realizzare.
È molto discreto e si sente solo quando ci si avvicina alla vostra pelle, per cui non aspettatevi di lasciare una scia di profumo. Tenetelo in borsetta ed applicatelo di tanto in tanto per “ricaricarlo”.

Ingredienti

  • 7,5 g di olio di jojoba o di riso
  • 1,5 g di cera di rosa
  • 37 gocce di fragranza cosmetica alla violetta di Aroma Zone


Ricetta del profumo solido alla rosa e alla violetta

  • Fate fondere a bagnomaria l’olio di jojoba e la cera di rosa.
  • Togliete dal fuoco, aspettate 2 minuti ed aggiungete la fragranza alla violetta.
  • Mescolate e versate in un vasetto da 10 ml.

Note sulle dosi di fragranze ed oli essenziali

Come tutti i profumi, questo profumo solido alla rosa ed alla violetta contiene un’alta percentuale di fragranza e va applicato in piccole quantità solo sui punti chiave, ovvero dietro le orecchie, nell’incavo del seno e sui polsi.
Ricordate che percentuali così alte di fragranze o oli essenziali non vanno assolutamente usati in creme per il corpo o altri prodotti che vengono in genere spalmati su grandi superfici o sulle mucose.
La percentuale di oli essenziali e fragranze dei profumi va dal 10 al 30% in base all’intensità che si vuole ottenere, mentre nelle creme per il corpo la percentuale massima è del 2,5% per gli oli essenziali e 3% circa per le fragranze. Questa percentuale si abbassa molto nel caso di profumazioni molto forti. Vi consiglio di consultare in ogni caso la scheda prodotto dell’ingrediente utilizzato.

 

Seguimi su Facebook