Questo burro solido da doccia contiene due ingredienti preziosi della cosmetica e della cultura giapponese, ovvero il tè matcha e l’olio di camelia.

 

burro corpo solido te verde

Quest’ultimo viene prodotto dai semi della Camelia oleifera ed è conosciuto per essere antiage, lenitivo e particolarmente adatto alla pelle secca. Leggero e penetrante, è ricco in vitamina E e non è comedogeno.

Le giapponesi utilizzano l’olio di camelia anche per rinforzare i capelli e per struccarsi.
Devo dire che non l’ho ancora testato per la rimozione del trucco ma non vedo l’ora di provarci visto che seguo una skin care routine ispirata a quella giapponese. L’utilizzo di un olio al posto dello struccante classico lascia la pelle eccezionalmente morbida. Finora mi sono affidata all’olio di riso, l’unico che non mi irrita gli occhi. Vi farò sapere come mi trovo con l’olio di camelia…

 

olio di camelia cosmetici


La polvere di tè verde matcha, dal potere antiossidante, è stata inserita in questa formulazione in piccole dosi più che altro per ottenere naturalmente una piacevole tonalità verde.

La base del burro è composta come sempre dai burri di karitè e di cacao, che lasciano una sensazione di pelle morbida e vellutata.

La formulazione prevede anche un emulsionante, lo Xyliance, che rende questo burro solido particolarmente adatto al suo utilizzo sotto la doccia e forma una cremina leggera e piacevole quando entra in contatto con la pelle bagnata.

 

te verde matcha cosmetici fai da te

Ingredienti del burro solido da doccia

  • 65 g di burro di cacao
  • 16 g di burro di karitè
  • 8 g di Xyliance (cera emulsionante numero 2)
  • 8,2 g di olio di camelia
  • 2,3 g di cera carnauba
  • 0,5 g di fragranza Doceur D’Orient
  • Q.b. di polvere di tè verde matcha

 

Ricetta del burro solido da doccia

  • Fate sciogliere a bagnomaria il burro di cacao, lo Xyliance e la cera carnauba.

  • Quando si sono sciolti del tutto aggiungete il burro di karitè e un pizzico di polvere di tè verde per colorare leggermente (non esagerate perché altrimenti colorerà la pelle).

  • Mescolate per bene sciogliendo i grumi di tè matcha e togliete dal bagnomaria non appena il burro di karitè si è sciolto completamente.

  • Aspettate qualche minuto facendo raffreddare leggermente e aggiungete la fragranza e l’olio di camelia.

  • Versate il tutto in stampi in silicone per cioccolatini.

  • Fate rassodare in frigorifero o in freezer per non più di un’ora. Potete poi togliere subito i burrini dallo stampo (aspettando però qualche minuto per evitare che si spezzino), ma vi consiglio di evitare di toccarli per almeno un giorno per fare in modo che raggiungano la consistenza finale. Se li manipolate troppo presto saranno ancora troppo morbidi e potrebbero rovinarsi.


Come si utilizza il burro solido da doccia?

Lavatevi come di consueto e spalmatelo poi sulla pelle bagnata pochi secondi prima di spegnere l’acqua, sfruttando anche il vapore della doccia. Non va risciacquato.

 

burro corpo camelia te verde 

Note e sostituzioni

  • La cera carnauba potrebbe essere sostituita con la candelilla, alzando di poco la dose. La cera d’api non mi ha dato buoni risultati con i burri solidi contenenti un emulsionante, sebbene abbia provato con dosi ben più alte.

  • Il burro di cacao è secondo me essenziale nei burri corpo come ho già spiegato in altre ricette. Il burro di karitè può però essere sostituito con un altro burro simile per proprietà e soprattutto consistenza, come quello di mango.

  • L’olio di camelia è sostituibile con altri oli.

  • Potete usare la fragranza che preferite tenendo però conto del dosaggio massimo consigliato dalla scheda prodotto. Se usate un olio essenziale aggiratevi attorno alle 15-30 gocce.

  • Il tè matcha in polvere serve prevalentemente per colorare. Se non lo avete potete ometterlo. Il tè verde delle bustine o sfuso in foglia non è adatto a questo scopo ed è diverso dal tè verde matcha, che è in polvere finissima e può essere disperso facilmente nel burro.

  • L’emulsionante Xyliance, conosciuto anche come cera emulsionante numero 2, può essere sostituita con l’Olivem 1000. Non ho ancora sperimentato questa sostituzione ma so che alcuni lo fanno.

Seguimi sui Social!